< homepage

 


La canzone Eyeball Kid, interamente illustrata in 19 splendide Tavole.



Due tavole di Valerio Pastore dedicate ai brani “Frank's Wild Years” e “ RainDogs”


Ritratti di Tom e brani trasportati in disegni inviatici da Denis Medri


Downtown Train di Valerio Pastore

 


lacuccia

 

Un nuovo fantastico fumetto e due splendidi ritratti dedicati a Tom, di Valerio Pastore.

 


Il nostro ormai famosissimo Valerio Pastore, ci ha regalato un’altra perla: il fumetto/illustrato della famosa canzone Underground

Il nostro ‘esclusivo’ fumettista - illustratore - grafico  Valerio Pastore, ci ha meravigliato ancora una volta, regalandoci un'attenta e bellissima trasposizione fumetto/illustrata della famosissima “ Swordfishtrombones” che trovate (in formato pdf) cliccando sul pulsante sottostante :

unitamente ad altre due splendide illustrazioni: una di Tom Waits e una dedicata alla canzone “Come On Up To The House”


Vi informiamo che da oggi potrete trovare tutte la gallery dei nostri bravissimi disegnatori sulla colonna di sinistra di questa pagina. Sotto al menù.





u’re in:
Recensioni e Fumetti
(clicca sui link per leggere i testi e vedere i fumetti)




 




ROCK MEMORIES
di  JIMMY  RAGAZZON

Concerto di TOM WAITS
Amsterdam  4  Novembre 1985

Una Amsterdam fredda e piovosa, già invernale, attendeva tranquilla l’arrivo di Tom Waits, senza alcuna pubblicità, se non sui giornali specializzati, ma con tutti i biglietti venduti in sole 6 ore di prevendita. Erano passati quasi 7 anni dall’ultimo tour europeo e l’attesa era davvero grande, soprattutto per il nuovo corso della musica di Waits, intrapreso negli albums “Swordfishtrombone” e “Raindogs”.
Ed e’ un pubblico eterogeneo, fatto di conoscitori ed assidui frequentatori dei piccoli mondi raccontati da Waits, quello che si raccoglie sui gradini del Concertgebouw, il conservatorio di Amsterdam, per una serata che si preannuncia indimenticabile.
 Una volta all’interno della splendida sala, la strana disposizione ed il tipo di strumenti musicali sul palco, dà una idea della particolare atmosfera che si crea subito sulle note introduttive di “Underground” che ci presentano un Waits ammiccante, in camicia a righe e pantaloni neri, scarpe italiane a punta ed un piccolo Borsalino di feltro grigio che sposta in continuazione.
Il viaggio inizia subito, lungo le strade della sua mente popolate da meticci cubano-cinesi, marinai in procinto di salpare verso Singapore, piccoli boss italiani, cittadine astemie della campagna australiana, ragazze fuggite da casa in cerca di qualcosa che non conoscono. Ed anche  tristi call girls, hobos ed angeli della desolazione sulle orme di Jack Kerouac e le ispirazioni musicali del blues e di Cole Porter.
 Anche gli strumenti, tra cui alcuni inventati da lui,  ricreano l’atmosfera del sogno, del continuo susseguirsi di razze e culture,    occidente ed oriente, con piatti balinesi, marimbas, glass armonica, calliopes e pump organs, lungo sentieri artistici tracciati da Howlin Wolf, Harry Partch , Hoagy Carmichael.
 Si snodano cosi’ due ore di spettacolo, costellate da occasionali dialoghi con il pubblico, battute, storielle e piccoli scherzi che fanno di Tom Waits un perfetto entertainer. Sembra parlare sporco e rozzo cosi’ come canta con sentimento o suona il piano con estrema delicatezza, spesso accogliendo le molte richieste di un pubblico  attento e preparato.
Accompagnato da una grandissima band costituita da Marc Ribot alla chitarra e tromba, Greg Coen al basso, Ralph Carney al sax, Steve Hodges alla batteria ed il funambolico Michael Blair alle più varie percussioni, ha scelto dal suo repertorio brani recenti e classici come “Tom Traubert Blues” ,”29 dollars”,”Jersey Girl”, “Downtown Train” ed altri.
 Alcune canzoni tristi e spezzacuore, altre allegre, ricche di pathos, di assurdita’ ed aneddoti autobiografici, ballate , jazz , blues,  mambo , teatro, ma   con tutta la sua anima immersa in ogni brano.
Richiamato a gran voce per tre bis consecutivi , ha concluso lo show con la dolcissima “Time” e tutto il pubblico in piedi a rendere omaggio ad un grande artista, poeta e cantore della strada.
Alla fine, camminando verso casa sotto una pioggia sottile, incontro il mio amico olandese all’uscita del Paradiso, dove ha appena ascoltato Nico, la ex voce dei Velvet Underground ed il suo nuovo gruppo. Vorrebbe raccontarmi qualcosa, ma guardandomi, capisce che stanotte avrò ben altro per sognare…



Tom Waits Sculpture !!!
(Realizzato da Stefano Delli Veneri )

< clicca sulla foto per ingrandire >



Opere dei nostri Raindogs
(Realizzati da Stefano Delli Veneri e Mauro Maraschi )

Opera in Plastilina di Stefano Delli Veneri

Per quando riguarda il fumetto abbiamo scelto di creare una gallery apposita con
dimensioni ragguardevoli in modo da fruire al meglio della bellezza dei tratti artistici. Nel caso delle recensiosi e degli articoli, per poter approfondire e leggere con calma tutto il materiale,vi basta cliccare sul link apposito in modo da scaricare i file in formato .pdf , si è reso necessario questo per evitare di creare pagine "kilometriche" dove è facile smarrirsi.

I cani della pioggia di Mauro Maraschi



Downtown Train
(Realizzati da Valerio Pastore )

Ecco i fantastici Fumetti realizzati da Valerio. Vi sorprenderanno....

< clicca qui per aprire la gallery >



Reading Teatrale"About Tom Waits"
(Regia Francesca Tilio)

Musicista e  cantore dell’America vagabonda ed emarginata, poeta maledetto, attore  visionario e strampalato, artista originale delle mille sfaccettature,  ‘‘family man” e molto altro.

“Non riesco a capire coloro che si  rifugiano nella realtà perchè hanno paura di affrontare la droga”
è  sicuramente una frase che lo rappresenta, che racconta i suoi eccessi e la sua  scelta di stare “dalla parte sbagliata”.....

< clicca qui per gli approfondimenti >



Blood Money,Alice e Orphans
(Recensione by Pasquale Boffoli)

SOLDI SPORCHI DI SANGUE e FAVOLE-NUVOLE !
Due dischi di Tom Waits che escono in contemporanea! La notizia quando iniziò a trapelare qualche tempo fa, mandò i fedelissimi dell'impareggiabile songwriter (ed anche chi scrive!) in 'brodo di giuggiole'. Waits é come un male oscuro: una volta che ne rimani infettato non solo é impossibile trovarne l'antidoto, ma non vuoi proprio trovarlo.........continua

< clicca qui per scaricare la recensione >



The Heart of Saturday Night

Nighthawks At The Diner

Heartattack And Vine

The Early Years

Mule Variations
(Recensioni by Paolo Spinnato)

Tarda notte, buio, metropoli brulicante di gente sconosciuta che cammina, luci delle insegne luminose e delle auto riflesse sulle pozzanghere, mozziconi di sigarette spente, nuvole di tabacco, boccali di birra, prostitute, brusio indistinto in sottofondo, ragazzi che ridono, cantastorie dalla voce profonda chino sul pianoforte, jazz, blues…..continua


< clicca qui per scaricare la recensione >



Real Gone
(Recensione by Alessandro A. " make-it-rain")

God's away on business yet, but this time I'm afraid he's Real Gone..
Dio è di nuovo fuori per lavoro, ma stavolta ho paura che se ne sia veramente andato. Si,  credo che questa frase possa rappresentare molto bene il mondo illustrato, ancor più che raccontato, da Tom Waits nel suo ultimo, meraviglioso, lavoro....continua


< clicca qui per scaricare la recensione >



Poesia a TOM
(Realizzata da Matteo Bertoncello Brotto)

Era l'uomo del S. Valentino rubato
dell'arazzo sbiadito dagli anni
dei falsi sbadigli
ruggine dell'ultimo Malbech semiassaporato..........


< clicca qui per scaricare la recensione >



Articoli del Bulla su Tom Waits
(recensione a cura di Guido Bulla )

A sei anni di distanza dall’ultimo disco, torna in questi giorni Tom Waits con una raccolta di brani originali, Mule Variations, pubblicata dalla Epitaph, piccola etichetta indipendente californiana specializzata soprattutto in gruppi punk-rock...continua


< clicca qui per scaricare la recensione >



Alessandro Baricco su Tom Waits
(a cura di Claudio Pinna)

È poi soltanto un disco. Eppure.
Lo metti e senti arrivare da lontano una voce da vecchietto, ma di quei vecchietti che stanno in piedi per miracolo, tenuti dritti dal cappottone, e dall’odore di naftalina addosso...continua

< clicca qui per scaricare la recensione >

  2003 all rights reserved tomwaits.it
Il sito e il fan club non sono a
scopo di lucro.

Il materiale contenuto in questo sito è frutto di appassionata raccolta di materiale riguardante l’artista Tom Waits. I gestori del sito e del fan club non si ritengono responsabili dell’uso improprio da parte dei navigatori e fan iscritti.
  scriveteci a:

per qualsiasi informazione non trovata nel sito, domande, critiche, consigli, incoraggiamenti, segnalazioni di malfunzionamento o quant'altro voi riteniate debba essere posto alla nostra attenzione
  il sito richiede:
Macromedia Flash Mx


Quicktime 6

  questo sito è realizzato da:

Privacy Policy